Alessandra vince il premio Mind The Bridge Startup School.

Alessandra vince il Premio Mind The Bridge e vola a San Francisco.

Blog

Alessandra Deidda, che ha partecipato allo Startup Weekend Cagliari 2015 vincendo il premio Mind The Bridge, volerà presto a San Francisco per partecipare alla Mind The Bridge Startup School: un programma di apprendimento sia teorico che pratico sulla vita di una startup, che si svolgerà in Silicon Valley per 3 settimane.

Chi è Alessandra?

Alessandra è una ingegnere-architetta, conosce varie lingue e studia il cinese. Dopo un tirocinio Master&Back in Spagna, si è trasferita per quattro anni a Shenzhen in Cina, dove ha avviato uno studio proprio. Dopo varie esperienze è approdata a Bergen in Norvegia dove ha vinto lo Startup Weekend e dove si trova attualmente per lavorare al suo progetto: una mappa rivolta agli Expat, che consente a chi si trova in una nuova città di ambientarsi velocemente e scoprire i luoghi di interesse e o i servizi presenti e condividerli con la propria community. La piattaforma aggrega i contenuti in base al target e all’affinità di interessi e può essere integrata dagli utenti.
La passione per il mondo delle startup e dell’innovazione è nata quando ha partecipato al progetto del padiglione spagnolo per l’EXPO di Shanghai. Inoltre, a partecipato a diversi Startup Weekend in giro per il mondo (Hong Kong, Shenzhen) e ha fatto parte del team degli organizzatori dello Startup Weekend di Bergen.

Le abbiamo fatto alcune domande, per conoscerla meglio.

Perché hai deciso di partecipare a Startup Weekend Cagliari?
“Ho partecipato a molte edizioni di startup Weekend e ho avuto modo di interagire con altre culture e rapportarmi al mondo dell’innovazione in tutte le sue forme.
Attualmente faccio parte dello staff organizzatore dello Startup Weekend di Bergen, il nostro obiettivo è quello di creare occasioni di incontro con altri Startup Weekend per conoscere altre realtà e migliorarci continuamente.
Da un punto di vista personale inoltre l’occasione di rientrare a Cagliari rappresentava un valore aggiunto, volevo conoscere l’ambiente degli startup locali e creare un network con la mia città.
L’edizione cagliaritana è stata una piacevole sorpresa, un’esperienza umana coinvolgente. Tanti erano nuovi al mondo delle startup, ma avevano moltissima voglia di fare. Nei gruppi di lavoro si respirava una grandissimi energia e tanta voglia di imparare e mettersi in gioco. La volontà e lo spirito di iniziativa sono dei valori fondamentali per la riuscita di qualsiasi progetto imprenditoriale.
Ho avuto modo di confrontarmi con il mio gruppo di lavoro e di condividere con loro il mio punto di vista, fatto di esperienze in giro per il mondo.”

Cosa ti aspetti dall’esperienza in Silicon Valley?
“Gli USA sono una tappa obbligata per chiunque voglia affacciarsi al mondo delle startup. È lì che la competizione è più dura, e lì che si può comprendere se la tua idea è davvero valida.
Solo confrontandoti con quel mondo puoi capire se puoi creare una startup a respiro globale.
Non sto dicendo che il modello californiano sia quello vincente e sia replicabile ovunque, ma sicuramente conoscerlo è il modo migliore per avere un’idea del mercato globale e lavorare meglio nel locale.”

Sei contenta di aver partecipato e ti aspettavi di vincere?
“È stata una bellissima esperienza e come ho detto ai miei amici ho vinto il premio vagabonda!

,
Menu