Intervista ad Andrea Zanda, CEO di Eventa che lavora in Open Campus

Lavorare e crescere in un Coworking – Un caffè con Andrea Zanda di Eventa

Blog

Poco più di tre anni fa, quando il nostro blog aveva la sua casa nel vecchio sito, abbiamo raccontato la storia di Eventa, la startup fondata da Andrea Zanda e Gianluca Vinci.
La loro collaborazione, nata tra le pareti di Open Campus durante il primo Startup Weekend, ha dato vita ad Eventa, la soluzione per la Local Event Descovery: il portale e le app permettono una ricerca semplificata e mirata di eventi basata sulla città in cui l’utente si trova e sulle sue specifiche preferenze.

Il team di Eventa ha continuato a lavorare, e a crescere, dalle nostre scrivanie e proprio poche settimane fa ha annunciato il lancio del portale U.S.A., eventa.us.
Ci è sembrata l’occasione perfetta per fare una breve chiacchierata con Andrea, CEO di Eventa, per farci raccontare i prossimi passi e chiedergli cosa significhi per una realtà come la loro abitare il nostro spazio di coworking.

Andrea ha un PhD in Intelligenza Artificiale e ormai da diversi anni, come lui stesso dice, è in prestito al mondo dell’imprenditoria: nel 2013 ha co-fondato guidemeright.com e dal 2015 si dedica interamente ad Eventa.

Abbiamo annunciato – e festeggiato! – il vostro sbarco negli Stati Uniti, ci puoi dire cosa rappresenta e quali sono i piani?
In Italia abbiamo raggiunto degli ottimi risultati: sul portale ogni mese abbiamo tra i 400 e i 500 mila utenti attivi e circa 150 organizzatori che pagano le tariffe premium. La nostra tecnologia è completamente scalabile quindi, in un’ottica di crescita, ci siamo trovati a fare un ragionamento semplice: dobbiamo raggiungere più persone, che abbiano più soldi e che siano più propense ad acquistare online. Preferibilmente in un contesto ricco di eventi da promuovere. Sotto tutti questi punti di vista il mercato americano è perfetto!

Eventa è nata dentro Open Campus, e sono passati ormai diversi anni. Voi state sicuramente crescendo, vi sembra che anche Open Campus stia cambiando? E se sì, come?
Sì, anche se il clima è rimasto lo stesso, positivo come quello che ci ha fatto stare bene sin da subito. Col tempo quello che mi sembra sia un po’ cambiato è il focus, meno orientato alla presenza prevalente di startup, molto piccole e in fase iniziale. Oggi ci sono più aziende, o comunque realtà un po’ più strutturate. In generale c’è più organizzazione, i meccanismi sono più rodati, più maturi.

Secondo te qual è il valore aggiunto del lavorare in uno spazio di Coworking?
I vantaggi, spesso anche molto pratici, di lavorare fianco a fianco con altre realtà simili alla tua. Parli con tante persone, scambi continuamente idee, ricevi molti suggerimenti, si moltiplicano i contatti e le esperienze.
In generale è uno spazio perfetto per chi ha bisogno di farsi le ossa, di avere supporto e di crescere

,
Menu